Pur non essendo prettamente una “Pipe band” la compagnia in questione può eseguire in modo efficace parate con Cornamuse, Ciaramelle, Bombarde e percussioni ad alto impatto sonoro.

Ma la sua particolarità si palesa nella varietà di strumenti utilizzati, che spazia dagli strumenti sopra citati a una più profonda ricerca nel campo musicale antico attraverso strumenti come: Ghironda,  Gitterna, Flauti (a becco e traversi) e Nychelharpe (viola d’amore a chiavi).

Con aggiunta di strumenti della tradizione popolare e antica (ormai da anni in uso nel contesto della festa  medioevale), quali Bouzuki, Salterio e Tamburi a cornice.

Le musiche ed i canti  spaziano dai canti di taverna alle “Cantigas de santa Maria”, passando per le melodie serfardite e le ballate trobadoriche della francia e dei “Romanceros” spagnoli , fino ad arrivare al canto polifonico tardomedievale e rinascimentale.

Il repertorio non manca ovviamente dei salterelli e delle estampite e se si presenta la necessità, la compagnia è disposta a preparare un repertorio in linea con il periodo storico richiesto.  (dall’alto medioevo 476 d.C. al rinascimento 1600 d.C. per intenderci).